- 21 febbraio -

GUIDA ALLA MOSTRA

scopri

di più

- 21 febbraio

LA MOSTRA

è ON LINE

IL GATTO CON GLI STIVALI DIVENTA VIRTUALE

A partire da questa edizione La città dei Gatti metterà on line tutte le mostre realizzate nelle passate edizioni.Vere e proprie mostre virtuali potranno essere visitate gratuitamente da tutti gli appassionati di fumetto e di mici senza doversi spostare da casa. Stasera, inoltre, alle 18 il curatore della mostra proporrà una visita virtuale alla mostra e alla fine verrà rilasciata la prima delle mostre virtuali realizzate da Excalibur

LA MOSTRA IN BREVE

Dopo il grande successo delle scorse edizioni, quest’anno la Città dei Gatti ha scelto di omaggiare un micio d’eccezione protagonista assoluto dell’immaginario di tutti noi: il Gatto con gli Stivali. Protagonista dell’omonima fiaba popolare pubblicata per la prima volta dall’italiano Giovanni Francesco Straparola all’interno della sua raccolta “Le piacevoli notti” (1550), e poi ripreso da Giambattista Basile, Charles Perrault (il primo a calzargli gli iconici stivaloni) e dai fratelli Grimm, il Gatto con gli Stivali, magra eredità lasciata al povero figlio di un mugnaio ma che grazie alla sua astuzia porterà al suo padrone fama e ricchezza, è un personaggio molto amato da illustratori e registi: tanta dedizione è testimoniata dalla mostra allestita presso WOW Spazio Fumetto – Museo del Fumetto di Milano, dal 17 febbraio al 13 marzo, che espone un percorso di illustrazione e fumetto con tavole originali di maestri come Dino Battaglia (“Il Gatto con gli Stivali” pubblicato in origine sul Corriere dei Piccoli nel 1975), Guido Crepax (“Valentina con gli stivali” del 1968) e Fabio Visintin (“Vita, amori, avventure veneziane di messer Gatto con gli stivali” del 2009), omaggi appositamente realizzati da Claudio Sciarrone, VorticeRosa, Luca Salvagno, Fabiano Ambu, Paola Ramella e Guendal, Virginio Vona, Sandro Dossi, Alessandro Gottardo e Silvestro Nicolaci. Tra le curiosità in mostra le illustrazioni realizzate da George Cruikshank nel 1864 che con la loro suddivisione in vignette anticipano il fumetto, il manifesto cinematografico del film d’animazione “Il Gatto con gli Stivali” (1969) a cui ha collaborato il maestro giapponese Hayao Miyazaki, gli adattamenti a fumetti della fiaba pubblicati negli Stati Uniti sugli albiFairy Tale Parade (1942) e Classics Illustrated Junior(1954), i fumetti tratti dal Gatto con gli Stivali  protagonista nei film Dreamworks, doppiato al cinema da Antonio Banderas, una rara edizione della fiaba di Perrault, “Le chat botté” illustrata dal grande artista francese Albert Robida, una curiosa edizione a fumetti firmata da Roberto Sgrilliper la F.I.L.A., un disco con la fiaba interpretata da attori e la copertina firmata da Guido Crepax e un altro disco con la copertina disegnata dal grande illustratore Gustavino

Il manifesto della mostra, che ritrae il Gatto con gli Stivali davanti al Castello Sforzesco di Milano, è opera di Luca Salvagno

La mostra è visitabile dal martedì alla domenica dalle 14.00 alle 19.00 con ingresso gratuito (Super Green Pass obbligatorio).
 
In occasione della mostra dedicata al “Gatto con gli Stivali” si potrà anche visitare una piccola rassegna dedicata a

I GATTI DI ANDY

Il gatto piace agli artisti e per questo, accanto ai lavori di grandi fumettisti, saranno esposte 7 grafiche di Andy Warhol. Provenienti dalla collezione di Greencat, le opere del Re del Pop, raffigurano, nelle sue classiche variazioni di colore, 7 dei suoi 25 Siamesi tutti di nome Sam. Un’ennesima dimostrazione della fascinazione esercitata da Sua Maestà il Gatto (con e senza stivali).

I GATTI DI ANDY

musica

animata

TOP